LIBERA ACCADEMIA DI ROMA UNIVERSITA' POPOLARE DELLO SPORT                                        
LAR ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE & UPS ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA 


LAR - Workshop LAR - Corsi LAR - Eventi LAR - Viaggi

OPENDAY dal 22 al 28 settembre 


Settimana dell’orientamento dal 22 al 28 settembre 2019. Open Day - Incontri - Lezioni - Eventi; attività gratuite aperte a tutti. Festeggiamo insieme i 25 anni del nostro progetto culturale.
Leggi tutto sul Grande Almanacco a pag. 9

ISCRIZIONI ONLINE 

VIAGGI E COOPERAZIONE 

 


I nostri progetti di viaggio:
“Le vie della seta”
“Comunitá viandanti”
"Europa Programma Erasmus"
“Le capitali della cultura 2020”
"Marrakech 2020, Capitale della Cultura Africana"

Leggi tutto sul Grande Almanacco a pagina 41

Le segreterie sono aperte per iscrizioni e informazioni dal lunedì al venerdì dalle ore 9.30-13.30 e 14.30-19, viale Giulio Cesare 78 ( A Ottaviano) - via Flavio Stilicone 41 (Metro A Lucio Sestio)
Tel. 06.37716304/363 - 06.99702866
info@accademialar.it   info@universitapopolaredellosport.it

LINGUE 

Arabo - Francese - Inglese - Spagnolo - Italiano per stranieri

Fai il test online gratuito
Scopri il Feedback  dei nostri corsi

PROVERBIO FRANCESE
Ce que poulain prend en jeunesse, il le continue en vieillesse.
Ciò che il puledro impara in gioventù lo continua in vecchiaia.

 

Storia dell'Arte

Romina Impera
CARAVAGGIO, GLI ULTIMI ANNI
Seguaci e oppositori. Classicismo e Naturalismo sino ai primi segnali di diffusione del nuovo stile barocco
Il corso metterà a fuoco il momento culminante del Naturalismo in Italia ed Europa. Protagonista nella prima parte del percorso sarà ancora Michelangelo Merisi da Caravaggio, con gli ultimi tempi della sua vita avventurosa e la straordinaria produzione degli ultimi anni lontano da Roma. Un percorso attraverso il ramificato mondo del Caravaggismo in Italia ed Europa tra epigoni, interpreti originali e successori. Quindi rappresentanti attivi a Roma, la grande scuola Napoletana di seguaci del maestro lombardo, i caravaggisti francesi, fiamminghi e anche l’eco del suo stile che, arrivato in Spagna, darà i suoi frutti nella grande stagione del Barocco. A Roma inevitabilmente si  ncontreranno i seguaci di Annibale Carracci, tentati dal caravaggismo e nel loro percorso in realtà più classicista: Guido Reni, Domenichini, Lanfranco; Albani e poi a seguire Guercino. I primi segni del nuovo gusto Barocco rintracciati tra i molteplici movimenti artistici saranno poi protagonisti della fine del corso, nei primi decenni del Seicento, per individuare la strada di sviluppo di questo stile prepotente e strabiliante. Quando possibile saranno organizzate, solo per il gruppo classe, lezioni in forma di visita guidata per vedere le opere d’arte e gli edifici di cui si tratterà a lezione.

LA MENTE DI LEONARDO
Alla fine dell’anno che ha celebrato il genio italiano a 500 anni dalla sua morte, si propone un percorso di riflessione sulla sua figura di artista ma soprattutto di pensatore, studioso, precursore, che vada oltre la generica etichetta di “inventore”. Cercare insieme di comprendere i percorsi mentali e creativi di questo uomo straordinario pensandolo in tutto e per tutto come individuo del suo tempo e nello stesso tempo cercando di capire come sia diventato planetario ed eterno simbolo di genialità per noi contemporanei. Incontri in aula con immagini e video, foto di opere, film e documentari, percorsi di visita specifici a Roma, coinvolgimento di specialisti in diverse discipline per rendere la riflessione più completa e interdisciplinare.

 

Cristina Guardata
IL SETTECENTO IN ITALIA E IN EUROPA
Il corso, articolato in due moduli, percorrerà i momenti artistico culturali che hanno caratterizzato il secolo dei Lumi. Il Rococò, l’estetica della grazia che si propaga in Europa, nelle sue splendide corti; il “barocchetto romano”, la sua inventiva scenografica, la città nelle sue trasformazioni architettoniche e urbanistiche. Il Vedutismo, nuovo genere pittorico, l’incontro dell’arte con la tecnica, nelle felici esperienze di Gaspar van Wittel; le vedute del Canaletto e di Pannini. Il Neoclassicismo: la riscoperta dell’antico attraverso la teoria di Winckellman, gli scavi di Pompei ed Ercolano, l’Italia raccontata dai viaggiatori del Grand Tour. Canova, la trasformazione del concetto di scultura, e la Roma di Piranesi, delle sue incisioni visionarie, delle sue opere architettoniche. Infine, la pittura di Jacques Louis David, l’influenza delle Accademie e degli artisti stranieri nella Città Eterna.

DAL MANIERISMO A CARAVAGGIO
Il corso, organizzato in due moduli, si svolgerà attraverso un itinerario che toccherà il manierismo fiorentino di Pontormo prima, e di Vasari dopo, e la splendida seconda stagione della corte medicea; l’arte a Roma dopo il Sacco del 1527, il cui punto di riferimento sarà ancora Michelangelo. Arriveremo a Venezia, negli anni di Veronese, di Tintoretto; affronteremo le novità architettoniche, sempre in Veneto, di Palladio. E poi la Controriforma, con la sua rigorosa regolamentazione dell’arte, sino alla fine del secolo, al Giubileo del 1600, con la presenza a Roma dei Carracci e del giovane Caravaggio.

IL QUATTROCENTO: AGLI ALBORI DEL RINASCIMENTO
Nella Firenze dei Medici nasce il Rinascimento, fenomeno culturale che apre le porte all’Età Moderna. I suoi protagonisti, Brunelleschi, Donatello, Masaccio, operano una rivoluzione artistica che si propaga rapidamente.  Assistiamo quindi alle meravigliose parabole dei grandi del secolo, tra i quali Piero della Francesca, Antonello Messina, Andrea Mantegna, Giovanni Bellini. Si delinea un’inedita figura di artista, definitivamente emancipato dal ruolo di artigiano; per quel che riguarda la committenza, accanto a quella religiosa si sviluppa e diviene via via più centrale quella legata alle nobili famiglie, artefici di splendidi circoli culturali. Importante ruolo, nello sviluppo artistico europeo, è quello occupato dalla pittura fiamminga e dai suoi più importanti esponenti: Jan van Eyck, Rogier van der Weiden, Hugo van der Goes.

 

SEMINARI
A cura di Cristina Guardata
JOHANNES VERMEER Il maestro della luce
Due incontri in aula cui seguirà la proiezione del film “La ragazza con l’orecchino di perla” (P. Webber, 2003)
Vermeer è, insieme a Rembrandt, protagonista indiscusso del Seicento olandese, il cosiddetto “Secolo d’Oro” della pittura dei Paesi Bassi. Insieme analizzeremo la sua opera, fatta di luce, di colori, di fanciulle enigmatiche, di musica suonata, di lettere scritte e ricevute. Ci affacceremo tra i vicoli e nelle case di Delft, alla scoperta di un’intima  quotidianità, attraverso la quale rileggere la vita e le tele di un pittore la cui enigmaticità non è stata ancora del tutto svelata.

LEONARDO Il Cenacolo, le emozioni, i moti dell’animo
Due incontri in aula cui seguirà la proiezione del film “Il Codice Da Vinci” (R. Howard, 2006)
In occasione delle celebrazioni per i cinquecento anni dalla morte del Maestro, partiremo da una delle sue opere più celebri, L’Ultima Cena, per scoprire la ricerca e la rappresentazione delle emozioni e dei sentimenti umani nella produzione di Leonardo da Vinci. Il viaggio ideale proseguirà attraverso l’analisi dei Ritratti, l’affascinante Dama con l’ermellino, l’enigmatica Monnalisa, e quei volti, ancora oggi misteriosi ed emozionanti, protagonisti delle tele del Genio toscano.

RAFFAELLO A ROMA
Due incontri e due visite guidate
Per celebrare il cinquecentenario della morte di Raffaello andremo a ripercorrere i suoi anni romani, l’incontro con l’antico, la sintonia con i pontefici del Rinascimento, per provare a cogliere insieme le ragioni di quel momento artistico così felice, destinato a cambiare per sempre la concezione dell’arte e il concetto stesso di artista. Inoltre visiteremo la Villa Farnesina e Villa Madama.

IL GRAND TOUR: ALLE ORIGINI DEL VIAGGIO IN ITALIA
Il viaggio in Italia inteso come momento di formazione, la penisola come sogno intellettuale dei primi viaggiatori moderni; le tappe più frequenti, i nuovi luoghi scoperti, gli itinerari più battuti. La produzione artistica si concentra sulla veduta, cartolina del Bel Paese; il panorama, le rovine, le città, vengono eletti a soggetti pittorici privilegiati, da quegli artisti che attraversano il paese inaugurando un nuovo modo di concepire il viaggio, utilizzando la pittura come strumento di testimonianza, antesignano al reportage fotografico.

 

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information